Scopri Torino

Scopri Torino

 

Torino, situata ai piedi delle Alpi, è una città dai mille volti, una città viva e ricca di storia. Capitale del ducato di Savoia e poi del regno di Sardegna, Torino fu il teatro dell’unità nazionale, diventando la prima capitale d’Italia dal 1861 al 1864.

 

Passeggiando per la città si possono ammirare eleganti Residenze Reali, entrate a far parte del patrimonio UNESCO nel 1997, maestosi palazzi nobiliari in stile barocco, lunghi viali alberati, giardini signorili e parchi oltre, ovviamente, al cospicuo patrimonio culturale. I numerosi musei e monumenti della Città, dove le forme più diverse di storia ed espressione artistica, dall’arte alla musica, dal cinema alla fotografia, si incontrano in un palcoscenico regale, regalando un’esperienza a tutto tondo ai suoi visitatori e cittadini.

 

Oltre duemila anni di storia nella città della raffinatezza, dell’eleganza e del buon cibo.

Siete pronti per essere stupiti?

TORINO, l’origine del nome.

 

Le leggende sono molte: noi ve ne presentiamo un paio.

 

La più quotata:

Dal nome del popolo dei Taurini, che anticamente scese dalle montagne per stanziarsi  nell’area dove attualmente sorge la città. La loro etimologia avrebbe origine dalla radice indoeuropea «taur», a sua volta derivata dal greco antico «oros», montagna e dal sanscrito «sthur», massiccio. La radice «taur» potrebbe anche prendere origine dal celtico «thor», sempre con il significato di montagna.

 

Con la conquista romana nel 58 a.C., i romani vi creano un presidio militare che venne chiamato Iulia Taurinorum, in onore dell’imperatore Giulio Cesare. Con l’imperatore Augusto, l’accampamento venne trasformato in vera e propria colonia romana: nel 28 a.C., il nome della città divenne quindi Augusta Taurinorum.

 

La più curiosa:

La leggenda narra che nei boschi intorno alla città abitasse uno spaventoso drago, che spargeva il terrore tra la popolazione sputando fuoco e fiamme, mangiando gli animali degli allevamenti e uccidendo le persone. Gli abitanti del posto, cercando una soluzione per sconfiggere il drago e tornare a vivere in pace, pensarono di mandare un altro animale che potesse lottare contro questo essere spaventoso. La scelta ricadde su un toro dal pelo rosso, l’animale più forte e robusto che avessero a disposizione. Per renderlo ancora più forte e per aumentare le possibilità di vittoria, gli abitanti della città diedero da bere all’animale una mistura di acqua e vino rosso. Ed in effetti, questa bevanda rese il toro ancora più battagliero ed impaziente.

 

Dopo che ebbe bevuto questo “elisir”, il toro rosso fu portato nel bosco e la lotta con il drago ebbe inizio. Il valoroso animale, battendosi con tutte le sue forze, riuscì a ferire con le corna la creatura e alla fine ebbe la meglio, riuscendo ad ucciderla.

 

Durante il duro combattimento il toro dal pelo rosso rimase però gravemente ferito e morì poco dopo. La popolazione del villaggio fu talmente grata al toro rosso e al suo sacrificio che decise di aggiungerlo all’olimpo delle proprie divinità e di metterlo nello stemma cittadino.

 

Da questo valoroso toro deriva quindi il nome di Torino ed il legame che ancora oggi la città ha con questo animale, simbolo di forza, tenacia, coraggio e libertà, ritenute virtù del popolo torinese.

Dicono di noi:

 

“Torino è una città bellissima. Come spaziosità supera, io penso, tutto ciò che è stato immaginato prima”.

(Mark Twain)

 

“Senza l’Italia, Torino sarebbe più o meno la stessa cosa. Ma senza Torino, l’Italia sarebbe molto diversa”.

(Umberto Eco)

 

“Torino è la città più profonda, più enigmatica, non d’Italia ma del mondo”.

(Giorgio De Chirico)

 

“Meravigliosa limpidezza, colori d’autunno, uno squisito senso di benessere diffuso su tutte le cose”.

(Friedrich Nietzsche)

 

“La capitale del Regno di Sardegna non è seconda a nessun’altra città per magnificenza”.

(Nicolaj Gogol)

 

“È il più bel villaggio del mondo”.

(Charles Montesquieu)

Auricolari

Per una MIGLIORE FRUIBILITÁ del servizio, consigliamo l’utilizzo degli AURICOLARI.